Vampiri mentali: questo nome rende bene l’idea di come alcune abitudini di pensiero siano in grado di prosciugare le nostre energie e, allo stesso tempo, abbiano bisogno di noi per essere alimentate.

disegno-vampiro-per-halloweenQuali sono i vampiri mentali?

I vampiri mentali sono quei pensieri che ci bloccano, ci fanno pensare che non ce la faremo, ci fanno vedere tutto buio. A questi pensieri corrispondono un livello di energia basso e emozioni negative.

Ho identificato almeno 3 vampiri mentali dai quali bisogna stare in guardia. Il primo passo, infatti, è la consapevolezza. Poi vedremo come starne alla larga.

1) Il pensiero della Privazione: consiste nel tarare la propria attenzione su ciò che si è perso o che si potrebbe perdere. È molto subdolo e provoca una profonda sofferenza e impedisce di avere uno sguardo oggettivo sulla realtà. Ci fa vivere una vita a metà.

2) Il pensiero della Sottrazione: consiste nel tarare la propria attenzione su ciò che si ha in meno rispetto a ciò che si vorrebbe o che hanno gli altri. Si guarda ciò che manca, ciò che non si ha o che potrebbe andare male, si genera ansia per il futuro.

3) Il pensiero della Negazione: se siamo convinti che non potremo raggiungere un determinato obiettivo, o vivere una determinata esperienza, questo pensiero può scavare la nostra fossa. Se per esempio un infortunio, un difetto fisico, un ostacolo ti hanno convinto che non potrai realizzare determinati traguardi, inevitabilmente questo ti porterà a soffrire.

Come liberarsene?

Innanzitutto, bisogna distinguere tra noi e i nostri pensieri. I nostri pensieri spesso sono automatici e incontrollati, ma noi non siamo i nostri pensieri! Occorre in primis non identificarsi con essi.

RadioDi conseguenza, dobbiamo considerare i nostri vampiri mentali  come emessi da una stazione radio di cui noi possiamo scegliere i canali e cambiare la stazione se la trasmissione non ci piace!

All’inizio, questo richiede indubbiamente uno sforzo di volontà per superare l’abitudine ai vampiri mentali. E non è sufficiente sostituirli con pensieri banalmente positivi.. il pensiero positivo fine a se stesso è poco utile! Occorre avere un pensiero realistico orientato al successo e farlo seguire da azioni e comportamenti coerenti. Agire, mettersi in gioco e giocare al 100% con convinzione. Questo non lascia più energie per i vampiri mentali!

Alla prossima settimana,

Beatrice

 

About Beatrice Raso

Licensed NLP Trainer e Coach, laureata in Lingua e Letterature Straniere e laureanda in Scienze e Tecniche Psicologiche con interesse particolare alla Psicoterapia Breve Strategica del centro CTS di Arezzo del Prof. Nardone Ha un passato da campionessa di atletica leggera, a livello nazionale e internazionale con la vittoria allo storico Cross Cinque Mulini e il titolo italiano sui 2000 siepi (di cui è stata anche detentrice del record italiano).